CONFRONTO PIL ITALIA II GUERRA MONDIALE E CRISI DELL’EUROZONA

Scritto il alle 16:41 da Paolo Cardenà

SEGUI  VINCITORI E VINTI SU FACEBOOK E SU TWITTER

Il grafico che segue confronta  la dinamica del Pil reale dell’Italia durante la seconda guerra mondiale, con la contrazione del Pil intervenuta durante la crisi in Eurozona, integrando quest’ultimo dato con le previsioni del FMI fino al 2018.

Fatto 100 il Pil base nell’anno precedente l’inizio dell’evento (1938 per la II guerra guerra mondiale; 2007 per la crisi in Eurozona), emerge il grafico che segue:

guerra mondiale e pil

Si osserva che nei primi anni della seconda guerra mondiale il Pil dell’Italia è cresciuto, per poi precipitare del 40%  negli anni successivi, in concomitanza con il periodo di maggior intensità del conflitto.  Successivamente, dopo il 1945, il PIL risale repentinamente e raggiunge il  livello precedente al conflitto dopo 11 anni dal suo inizio.

La linea rossa rappresenta la dinamica del Pil durante la crisi iniziata nel 2008 con lo scoppio della bolla dei mutui   subprime e il fallimento della Lehman Brothers, proseguita, successivamente, con la crisi in Eurozona. La linea tratteggiata verde rappresenta le previsioni di crescita dell’Italia, fino al 2018, elaborate dal Fondo Monetario Internazionale, notoriamente assai ottimistiche. Si osserva che la contrazione del  Pil, pur essendo imparagonabile con crollo intervenuto durante la seconda guerra mondiale (ci mancherebbe pure!!) si protrae più a lungo rispetto al primo evento. Stando alle previsioni del FMI, quindi, dopo 12 dall’inizio della crisi, l’Italia si troverà con un prodotto interno lordo ad un livello più basso e ben lontano rispetto a quello dell’inizio della crisi. Cosa che non era avvenuta neanche a seguito della seconda guerra mondiale.  E non è affatto detto che le previsioni di crescita del Fondo Monetario Internazionale non vengano smentite da un contesto economico assai più complesso rispetto ai valori di crescita incorporati nelle previsioni del FMI.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Il grafico parla chiaro, nell'ultima settimana (chart one week) il mood degli investitori è ca
Mentre i mercati soffrono di momenti di incertezze, i massimalisti delle criptovalute al solito
Ftse Mib: L’indice italiano si riporta sulla resistenza statica collocata a 20.236 punti, dove pa
Il debito implicito pensionistico, spiega il Sole 24 ore, è "l’insieme degli impegni futuri, in v
​Stamattina l'osservato speciale è l'indice Italiano. Passiamo subito ad analizzare come si sono
A lungo andare divento anche noioso a furia di ribadire gli stessi concetti. Non so quante volte
Ieri a Palazzo Madama, al minuto 40:15 , durante la conferenza sul tema "L'evoluzione del ruolo
In truth, with only a little time plus attempt, creating a school essay might be an easy and rewardi
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La situazione si sta complicando non poco. Riprendendo quanto scritto nel post precedente, andi