SOFFERENZE BANCARIE A 168 MLD, +24%

Scritto il alle 18:28 da Paolo Cardenà

Nel suo consueto Monthly Outlook l’ABI, proprio oggi, ha reso noto che le sofferenze bancarie lorde, nel mese di maggio, hanno raggiunto quota 168,6 miliardi di euro, in aumento del 24% rispetto allo stesso periodo del 2013.

sofferenze maggio Da Adnokronos

Crescono ancora le sofferenze del sistema bancario nazionale. A maggio le lorde ammontano a 168,6 mld, dai 166,5 di aprile. Il rapporto sofferenze lorde su impieghi è dell’8,9% a maggio 2014 (6,9% un anno prima; 2,8% a fine 2007). Si tratta di circa 32,9 miliardi in più rispetto a fine maggio 2013, che segnano un incremento annuo di circa il 24%. Anche le sofferenze nette registrano a maggio un aumento, passando dai 76,8 miliardi di aprile ai 78,7 miliardi di maggio. E’ quanto emerge dal rapporto mensile dell’Abi.

Il rapporto tra sofferenze lorde e impieghi raggiunge il 15,1% per i piccoli operatori economici, il 14,5% per le imprese e il 6,6% per le famiglie consumatrici. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è risultato pari al 4,36% a maggio dal 4,23% di aprile 2014 (3,59% a maggio 2013; 0,86%, prima dell’inizio della crisi).

Sempre nello stesso rapporto, l’Abi fa sapere che, negli ultimi 2 anni, i prestiti al settore privato sono diminuiti di oltre 100 miliardi.

Immagine1++1+

Se vi interessa approfondire la questione e conoscere le ragioni per le quali è assai difficile immaginare che le banche possano tornare a concedere prestiti all’economia reale (anche in considerazione delle ultime manovre della BCE), vi suggerisco la lettura di questi due articoli:

IL CREDITO CHE NON VERRA’, CHE TROVATE  QUI  E QUI

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
1 commento Commenta
atomictonto
Scritto il 22 luglio 2014 at 22:12

La smettessero le banche Italiche di continuare a finanziare aziende stracotte solo perchè “se no non rientriamo” e comincino a finanziare aziende giovani e di prospettiva.
Ci sono gruppi di 40-50 SRL strafalliti e tenuti in piedi solo perchè hanno 2-300 milioni di debiti mentre alle aziende neonate, aggressive e di prospettiva negano il fido da 4 cipolle e 2 pagnotte (30.000? 50.000? ecco).

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Tra i vari beni rifugio sul mercato, è ben noto il ruolo del metallo giallo ovvero dell’oro.
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER: Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi
Il Ftse Mib ha ora nel mirino la resistenza in area 23.900/24.000. Nell’immediato futuro può cont
Ieri la Cina, dopo la finta apertura del suo presidente sull'industria automobilistica,  ha rip
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espress
Uno degli acronimi più utilizzati negli ultimi mesi è stato sicuramente FAANG. Sono le inizial
Ftse Mib: apre al rialzo il Ftse mib dopo due sedute di consolidamento chiuse in doji. Importante pe
Le previsioni vengono fatte per poi poter essere smentite. E soprattutto quando la confusione si