Archivi del mese: luglio 2014

Scritto il alle 16:08 da Paolo Cardenà

Già tempo addietro avevo scritto un post evidenziando che non sempre ciò che appare scontato, alla fine dei conti, in effetti lo è. Come ad esempio il costo del debito pubblico, che secondo alcuni professoroni sarebbe diminuito. Per aggiunta, proprio … Continua a leggere

Scritto il alle 11:13 da Paolo Cardenà

Gli ingredienti sembrano esserci tutti, o quasi. Quali sono? 1) I mercati hanno corso molto e molte asset class sono in bolla. 2)L’Argentina dovrebbe fare default, anche se penso che l’impatto di questo evento  dovrebbe essere limitato. Salvo quanto segue. … Continua a leggere

Scritto il alle 08:51 da Paolo Cardenà

L’Italia che affonda (come giusto che sia) funziona più o meno così.Poniamo il caso che hai  una piccola azienda che va bene, produce fatturati e utili. L’azienda è affidata con il sistema bancario perché il business è buono e tu hai ipotecato … Continua a leggere

Scritto il alle 18:28 da Paolo Cardenà

Nel suo consueto Monthly Outlook l’ABI, proprio oggi, ha reso noto che le sofferenze bancarie lorde, nel mese di maggio, hanno raggiunto quota 168,6 miliardi di euro, in aumento del 24% rispetto allo stesso periodo del 2013.  Da Adnokronos Crescono ancora … Continua a leggere

Scritto il alle 13:17 da Paolo Cardenà

Sapete benissimo che la componente export riveste un ruolo fondamentale nella dinamica del Pil, soprattutto per via della contrazione della domanda interna. Ebbene, poco fa l’Istat ha comunicato i dati sul fatturato e sugli ordinativi dell’industria e ne è emerso … Continua a leggere

Scritto il alle 08:49 da Paolo Cardenà

Solo qualche mese fa, la Banca d’Italia stimava una crescita economica per l’Italia nel 2014 dello 0,7%, dopo una contrazione, in questi anni,  di oltre 9 punti percentuali. La nuova stima (al ribasso) giunge nell’ultimo Bollettino Economico, nel quale le … Continua a leggere

Scritto il alle 12:44 da Paolo Cardenà

Il grafico che segue è tratto dall’ultimo Bollettino Economico della Banca d’Italia, pubblicato un paio di giorni fa. Evidenzia la dinamica delle varie componenti alla determinazione della crescita,  con la domanda estera che si conferma la principale fonte di sostegno alla … Continua a leggere

Scritto il alle 16:01 da Paolo Cardenà

Scrivo questo post  solo per dovere di cronaca. D’altra parte, chi ha la bontà di seguire questi pixel, conosce perfettamente dove si sta dirigendo il Titanic Italia, e a quale velocità. Quello che sta emergendo dai numeri sui conti pubblici, ossia quello … Continua a leggere

Scritto il alle 11:40 da Paolo Cardenà

Su “Il Nord” mi è capitato di leggere questo articolo  a firma Max Parisi , nel quale si sostiene che il Tesoro starebbe aumentando le disponibilità di cassa per “fronteggiare il prossimo tracollo dell’euro”. In effetti il tesoro, negli ultimi mesi, ha … Continua a leggere

Scritto il alle 10:48 da Paolo Cardenà

Guest post Scenari Economici Abbiamo tante volte discusso della crisi dell’euro, quale risultante dell’esplosione degli squilibri generati dai cambi fissi in un area non ottimale, a causa dei differenziali inflattivi. Ma quanto hanno guadagnato i vincitori e quanto perdono i vinti? … Continua a leggere

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Analisi Tecnica Il nostrano esce dalla parte alta del trading range ponendo il target in area 242
Uno dei principali ostacoli all’adesione alla previdenza complementare era costituito dall’obbli
Periodo di trimestrali USA e non solo. Qui vi presenterò un sunto di quanto sta accadendo; ma non
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Il FMI scopre l’acqua calda. Nel World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha c
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso ma in settimana tra le righe in anteprima vi
Avvio in marginale ribasso per il Ftse Mib che comunque resta in quota sopra 23.700 in una situazion
Tra gli alti ed i bassi teoricamente imprevedibili, qualcosa di molto metodico, invece, è visib
La Covip da anni denuncia una voragine informativa specie per quanto riguarda la cultura previdenzia
Ieri è uscito il libricino della Federal Reserve e all'improvviso sono tornati in augue i teori