Archivi del mese: giugno 2014

Scritto il alle 12:15 da Paolo Cardenà

Quella che segue  è una tabella tratta dal Def 2014, che ho  integrato con alcune considerazioni  che a mio avviso sintetizzano la condanna dei conti pubblici italiani, dal alto della mancata crescita.Cerco di spiegare.Il governo, per il 2014,  stima una … Continua a leggere

Scritto il alle 23:30 da Paolo Cardenà

Dopo questo post introduttivo dove si è il fatto il punto sulla politica monetaria adottata di recente dalla BCE, cerchiamo ora di capire perché appare assai difficile immaginare che le misure approntate dalla BCE, da sole, possano essere sufficienti a … Continua a leggere

Scritto il alle 14:30 da Paolo Cardenà

Premessa: il post che segue ci consente di introdurre un ulteriore articolo, che verrà pubblicato nei prossimi giorni, nel quale si spiegheranno i motivi per i quali il pacchetto articolato dalla BCE, da solo, non sarà sufficiente ad indurre le … Continua a leggere

Scritto il alle 14:30 da Paolo Cardenà

I grafici che seguono,  tratti dalla Relazione Annuale della Banca d’Italia dello scorso 30 maggio, ci rappresentano le divergenti condizioni di accesso al credito da parte delle imprese nelle principali economie europee (Italia, Spagna, Francia e Germania).Nella parte sinistra si … Continua a leggere

Scritto il alle 12:27 da Paolo Cardenà

La settimana scorsa  Bakitalia ha comunicato che il debito pubblico, nel mese di aprile, è salito al livello record di 2146 miliardi. Già un paio di mesi fa, con un post sul tema, avevamo  avvertito che le previsioni sulla dinamica … Continua a leggere

Scritto il alle 10:44 da Paolo Cardenà

Parole e musica del Presidente del Consiglio, in visita a Pechino:Renzi in Cina: Investire all’estero non è delocalizzareDobbiamo anche fare gioco di squadra per attirare investimentiPechino, (TMNews) – Matteo Renzi dalla Cina ha spiegato ai giornalisti il senso della sua … Continua a leggere

Scritto il alle 12:58 da Paolo Cardenà

Un post per rompere la monotonia dei temi economici trattati nel blog e, visto che ci sono i mondiali di calcio, vi dico come la penso. Buona lettura.Sono iniziati i mondiali di calcio e ne approfitto per farvi qualche confidenza … Continua a leggere

Scritto il alle 08:54 da Paolo Cardenà

Prendi una banca in oggettive difficoltà, le cui azioni valgono nulla.Si fa l’accorpamento delle azioni, magari in rapporto da 1 a 100, poichè strumentale all’aumento di capitale che deve per forza fare, facendo piazza pulita dei piccoli azionisti, magari pensionati … Continua a leggere

Scritto il alle 10:49 da Paolo Cardenà

Quelli che seguono sono i grafici del Tbond Usa e del Btp decennale.Oggi il Btp a dieci anni rende appena 16 centesimi di punto in più rispetto al titolo statunitense.Credo che non  occorra aggiungere altro….Gli USA gode del massimo merito … Continua a leggere

Scritto il alle 13:00 da Paolo Cardenà

Che l’Italia riduca il debito non conviene a nessuno. Pagare 85 miliardi di euro di interessi all’anno (con proiezioni in crescita) è un ottimo affare per chi ha soldi da investire, molti soldi. E quindi l’Italia, per loro, è un … Continua a leggere

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla