TASSA PATRIMONIALE DA 400 MILIARDI IN VISTA?

Scritto il alle 14:30 da Paolo Cardenà

“Abbiamo scoperto che la sinistra sta pensando a una legge patrimoniale da 400 miliardi, nonché a una tassa di successione al 45%”. 

A dirlo è Silvio Berlusconi, intervenendo in videoconferenza alla convention di Forza Italia a Bari.

Ora, che lo dica Berlusconi lascia anche il tempo che trova, poiché non dice nulla di nuovo o di non noto. Già in un precedente post avevamo succintamente elencato tutti coloro che si dicono favorevoli ad una soluzione del genere (lo potete trovare QUI, con annessi i relativi link che rimandano alle fonti).

Berlusconi rilancia anche sull’ipotesi di introduzione di una imposta di successione al 45%. Anche se sembra un po’ esagerato, vale la pena ricordare che l’Italia, in tema di imposte di successione e donazioni, è considerato quasi un paradiso fiscale, poiché gode di un regime fiscale assai privilegiato rispetto agli altri paesi europei.

C’è da aggiungere che, nonostante l’euforia che si sta vivendo sui mercati grazie alla  ritrovata fiducia degli investitori -principalmente per via delle manovre di politica monetaria adottate dalle banche centrali -, appare assai difficile che il debito pubblico, vista la connotazione attuale e la fragile condizione dell’Italia,  possa essere ridotto nella misura ipotizzata dal Governo , senza interventi straordinari di carattere patrimoniale, o senza una vera e propria ristrutturazione (sul tema leggi: L’ITALIA PUO’ FALLIRE: ORA ANCHE PER LEGGE).

E’ chiaro che il risparmiatore che, nella gestione dei propri risparmi, non tenga conto di queste eventualità, si espone a dei rischi rilevanti che potrebbero comportare la riduzione (anche significativa) della sua ricchezza. In altre parole è  un po’ come lanciare una lama affilata in aria e  afferrarla in caduta, prima che tocchi terra, pretendendo di non tagliarsi.
Come sapete questo sito è molto attivo sul  tema e, in questi anni di vita del blog, si sono prodotte numerose analisi che possono essere utili proprio a coloro che intendano accrescere le proprie conoscenze in materia e proteggere i propri risparmi dall’aggressione dello Stato, ma non solo.
Proprio per questo, vi ripropongo alcuni articoli di fondamentale interesse.
SEGUI  VINCITORI E VINTI SU FACEBOOK E SU TWITTER

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
5 commenti Commenta
Scritto il 5 maggio 2014 at 13:24

“(lo potete trovare QUI, con annessi i relativi link che rimandano alle fonti)”
Vi segnalo che la pagina a cui rimanda il link richiede diritti di accesso per visualizzarla.

Scritto il 5 maggio 2014 at 13:24

Stamattina De Benedetti ha detto che vuole parlare con Renzi in merito al debito pubblico. Alle insistenti richieste di Minoli ha risposto “Gli Stati non hanno mai pagato i debiti …” http://www.radio24.ilsole24ore.com/notizie/mix24/2014-05-05/debito-italia-benedetti-renzi-112030.php

Scritto il 5 maggio 2014 at 14:13

Ehm..!
Espropriare 400 miliardi di euro..?
Il latte con le cozze sarebbe più digeribile.
Molte guerre civili sono iniziate per molto meno.

Scritto il 5 maggio 2014 at 15:31

non in Italia di catto-comunisti italiani…qui non solo pagheranno ma diranno pure che giusto pagare…;-)

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Ftse Mib: Il listino italiano ieri ha dato un segnale importante allontanandosi con convinzione dai
Come sempre nessuna novità per quanto riguarda i lettori di Icebergfinanza, forse per qualche i
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Apertura positiva per il Ftse Mib che varca nuovamente la soglia dei 24.000 punti e si porta con dec
Lo scorso 24 aprile 2018, si è tenuta la "Conferenza sulla percezione pensionistica" durante la qua
E’ stata la nostra scommessa, accennata la settimana scorsa e fortemente dichiarata in questa
Prima di occuparci delle banche tedesche, ma non solo, un piccolo preambolo su quello che è acc
VIEW PERSONALE Come anticipato in uno scorso articolo, la rottura del minimo di fine de
Il miracolo è avvenuto. Se fino a qualche mese fa tutti temevamo grossi problemi per il sistema