Archivi del mese: maggio 2014

Scritto il alle 22:28 da Paolo Cardenà

Lo afferma la BCE nel rapporto sulla stabilità finanziaria. Non aggiungo nulla di mio lasciandovi al comunicato della Reuters che riporta la notizia, limitandomi a  farvi osservare che, vista la performance dei titoli di stato italiani, il mercato percepisce che … Continua a leggere

Scritto il alle 08:30 da Paolo Cardenà

La crisi, che  si protrae ormai dal 2008, ha determinato l’esplosione dei debiti sovrani pressoché in quasi tutti i Paesi dell’eurozona. Molti Stati, tra cui l’Italia,  sono in uno stato di conclamata bancarotta. Tuttavia, grazie all’azione delle banche centrali,  vengono … Continua a leggere

Scritto il alle 20:30 da Paolo Cardenà

Di seguito, il video del mio intervento  di oggi all’It Forum 2014 di Rimini.Si parla di esplosione del debito pubblico e della possibilità che vengano introdotte delle imposte patrimoniali feroci sulla ricchezza finanziaria degli italiani.Una precisazione di dovere anche su … Continua a leggere

Scritto il alle 21:30 da Paolo Cardenà

Molti “autorevoli commentatori” sostengono che in caso di uscita dell’Italia dall’euro, i risparmi subirebbero delle gravi perdite per effetto della svalutazione che ne seguirebbe. Per di più, usano questo tipo di  affermazioni per cercare di incutere terrore verso l’opinione pubblica (in … Continua a leggere

Scritto il alle 14:30 da Paolo Cardenà

La stampa (anche quella specializzata) sembra sottovalutare il dato sul Pil comunicato appena ieri dall’Istat.Eppure il dato appare assai grave, perché ci dice moltissime cose sul futuro del nostro Paese. Non solo perché giunge a seguito di un timido rialzo … Continua a leggere

Scritto il alle 14:30 da Paolo Cardenà

Nel primo trimestre del 2014 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2005, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,5% nei confronti … Continua a leggere

Scritto il alle 21:30 da Paolo Cardenà

Mentre la Banca d’Italia ci informa che il debito pubblico, nel mese di Marzo, ha raggiunto il record di 2120 miliardi di euro, vi propongo il grafico di seguito rappresentato che ci indica (semmai ce ne fosse bisogno) quanto sono … Continua a leggere

Scritto il alle 08:42 da Paolo Cardenà

DA la stampaNell’autunno del 2011, quando la drammatica crisi economica aveva portato l’euro ad un passo dal baratro, alcuni funzionari europei avvicinarono il ministro del Tesoro americano Geithner, proponendo un piano per far cadere il premier italiano Berlusconi. Lui lo … Continua a leggere

Scritto il alle 14:30 da Paolo Cardenà

Chi si farà sottrarre i risparmi da questi “signori”, non avrà diritto di lamentarsi e  dovrà patire le conseguenze in silenzio. Sono anni che se ne parla e la questione è stata scritta in tutte le salse. Chi non ha … Continua a leggere

Scritto il alle 15:49 da Paolo Cardenà

Premessa: il post che segue non ha l’ambizione di voler essere esaustivo nella trattazione del complesso tema  della spesa pubblica. Tuttavia ritengo utile contribuire al dibattito con questa breve analisi dalla quale emerge l’insostenibile peso della spesa per interessi sul … Continua a leggere

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla