Archivi del mese: marzo 2014

Scritto il alle 13:30 da Paolo Cardenà

 Il Fiscal compact obbliga l’Italia a ridurre di un ventesimo l’anno la distanza che separa il rapporto debito/Pil, visto nel 2014 sopra il 133%, dalla soglia di riferimento del 60%.In linea di principio il Fiscal compact non è così rigido … Continua a leggere

Scritto il alle 20:35 da Paolo Cardenà

Ottimo post di Zibordi su Cobraf.com, ripreso da Scenari Economici,  che spiega in modo completo  e comprensibile il funzionamento del sistema di pagamenti interbancari dell’eurozona, detto TARGET2 (Trans-European Automated Real-Time Gross Settlement Express Transfer System). Si chiama TARGET2 perché preceduto da un TARGET1 (chiamato TARGET) che venne superato nel 2007.da … Continua a leggere

Scritto il alle 16:00 da Paolo Cardenà

Facciamo qualche conto al provvedimento fiore all’occhiello della politica economica del Governo Renzi, cioè la detassazione dei redditi di 10 milioni di lavoratori dipendenti.Partiamo da una delle poche cose certe che si conosce, che desumiamo dal comunicato stampa ufficiale, pubblicato … Continua a leggere

Scritto il alle 11:51 da Paolo Cardenà

A proposito dell’annunciato aumento della tassazione sulle rendite finanziarie, siamo stati quasi preveggenti.Già in un precedente articolo avevamo ipotizzato che per tagliare del 10% l’Irap, considerati gli ordini di grandezza del tutto asimmetrici e inconciliabili, sarebbe stato necessario aumentare del … Continua a leggere

Scritto il alle 13:14 da Paolo Cardenà

Tassare i risparmi è di sinistra, dicono.Ora scoprite quanto sono ignoranti e in malafede:Se hai 20 mila euro in un conto deposito che ti rende il 2%, ti porti a casa 400 euro lordi annui. Ma alla fine della fiera, … Continua a leggere

Scritto il alle 20:34 da Paolo Cardenà

Vi propongo questo articolo di Ambrose Evans-Pritchard sul Telegraph -tradotto da VOCI DALL’ESTERO e  ripreso da SCENARI ECONOMICI-  che  riporta che l’istituto tedesco DIW ha improvvisamente aperto all’ipotesi di un QE europeo per scongiurare la deflazione, sconfessando così le parole tranquillizzanti di Mario Draghi… (Ma … Continua a leggere

Scritto il alle 20:03 da Paolo Cardenà

A gennaio le sofferenze bancarie sono salite a 160 miliardi di euro.Lo ha reso  Bankitalia nel Supplemento al Bollettino Statistico pubblicato oggi.Da Reuters:MILANO, 10 marzo (Reuters) – Registra una lieve frenata a gennaio il trend di crescita delle sofferenze delle banche … Continua a leggere

Scritto il alle 12:11 da Paolo Cardenà

Guet post: Sulla situazione in Ucraina vi propongo un articolo di Peter Strzelecki Rieth, pubblicato nella sua versione originale su THE IMAGINATIVE CONSERVATIVE  e  ripreso da QUELSI, con traduzione a cura di Andrea Benetton“Il presidente ucraino Viktor Yanukovich era un … Continua a leggere

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla