CON LA NUOVA MANOVRA FISCALE PRESTO LA FAME

Scritto il alle 08:18 da Paolo Cardenà

                                                                                                          di Paolo Cardenà –
Cari signori, ricordatevi bene questo giorno perché, da qui in avanti,  il processo di impoverimento di questa nazione e soprattutto delle classi più deboli, subirà un salto di qualità impressionante.
In barba a quanto segnalato proprio ieri dall’ISTAT, che ha denunciato che in Italia, nel secondo trimestre del 2012,  il potere di acquisto delle famiglie si è ridotto del 4.1% rispetto alla stesso periodo dell’anno precedente, nella notte,  il Governo ha varato l’ennesima stangata che andrà a colpire proprio le classe  più debole e quella media del Paese, determinando un ulteriore impoverimento generalizzato.
Con la manovra di stabilità varata dal Governo e propedeutica (secondo la loro visione) al raggiungimento del pareggio di bilancio nel 2013, vengono ridotte di un punto percentuale le aliquote IRPEF più basse (dal 23% al 22% e dal 27% al 26%). Questo provvedimento solo apparentemente produrrà degli effetti  positivi nelle tasche degli italiani poiché, già dal prossimo luglio, l’IVA che come è noto colpisce i consumi, verrà aumentata dell’1%  e quindi l’aliquota al 10% passerà all’11%, mentre quella al 21%  raggiungerà il 22%.
Questo provvedimento, andrà a colpire ancora una volta le classi meno abbienti del paese e soprattutto quelle più bisognose, costrette a vivere con i redditi più bassi (pensionati e lavoratori dipendenti). In Italia, i redditi più bassi (ad esempio quelli riconducibili al livello delle pensioni più basse), sono già completamente detassati per effetto delle detrazioni da pensione e/o lavoro dipendete, che annullano il prelievo fiscale a carico del contribuente. Quindi, con questa manovra, il pensionato o chi vive di basso reddito, non troverà alcun giovamento per il taglio dell’Irpef praticato dal Governo. Allo stesso tempo, subirà l’impatto dell’aumento dell’IVA che colpirà i consumi di beni che sconteranno le nuove aliquote poste all’11% e al 22%, comprimendo ancora  di più la capacità di spesa delle famiglie, già ridotta all’osso. Ma l’aumento dell”Iva non è l’unica beffa che subiranno  le classi meno agiate,  poiché gli aumenti delle imposte indirette (IVA), determineranno degli effetti inflattivi dovuti anche agli arrotondamenti (in eccesso) che la catena di distribuzione e commercializzazione dei beni praticheranno sui prezzi dei beni, colpendo il consumatore finale che si vedrà diminuito il potere di acquisto.
Inoltre, il Governo, nello stesso provvedimento, ha previsto anche un aumento delle franchigie per le detrazioni di imposta e introdotto  un tetto massimo alle  deduzioni, che farà aumentare il carico fiscale anche per i redditi superiori ai 15.000, favorendo un ulteriore impoverimento della classe media, che accelererà  la discesa verso il disagio economico, sociale e verso gli inferi della povertà.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
12 commenti Commenta
Anonymous
Scritto il 10 ottobre 2012 at 10:20

Spero che avvenga nel modo più veloce e tragico possibile e che gli italioti maledicano ogni minuto passato davanti a 11 coglioni che calciano un pallone, piuttosto che andare a fare la rivoluzione… che abbiano quello che si meritano.. povertà e inferno…

    Scritto il 10 ottobre 2012 at 18:15

    Gli 11 calciano un pallone mica sono idioti, l’imbecille e’ il popolo che guarda il calcio e la de filippi restando tappato in casa e avendo una paura irreversibile di rimanere anonimi.

Anonymous
Scritto il 10 ottobre 2012 at 11:32

Paghiamo il 50% e oltre del nostro stipendio di tasse per dare soldi allo Stato che li distribuisce a certi pezzi di merda che ne fanno feste e festini, questo è il problema!

Anonymous
Scritto il 10 ottobre 2012 at 11:45

AMEN! quoto al 1000%

Anonymous
Scritto il 10 ottobre 2012 at 12:24

No, non mandiamo alcuna maledizione a nessuno ma chiediamo benedizioni per i giusti e onesti, chiediamo ai disonesti di riflettere e pentirsi dei loro misfatti, ponendo rimedio alla drammatica situazione che sta colpendo il mondo intero. Queste persone che hanno causato questo tragico destino si facciano un esame di coscienza, si facciano un “Mea Culpa”, che ritrovino quel buon senso perduto nel loro losco cammino. Prima che sia troppo tardi.

Anonymous
Scritto il 10 ottobre 2012 at 13:44

Io ero il 29 settembre a Roma pensando di fare la rivoluzione..poi vedo tutti sti cretini a via del corso a fare shopping con i soldi di mamma e papa’(rincoglioniti)…io vado a piazza montecitorio..solo 300 persone,eroi che hanno smesso di fare le loro cose e si sono impegnati nel proseguire svariati accampamenti attorno il parlamento e zone limitrofe..in protesta..xké io come loro non ce la faccio piu’..xké non c’e’ un reddito cittadino..xké non possiamo uscire da questa europa..xké c sono 3000partiti e altrettanti parassiti politici di un ormai ben nota casta(come quella francese del 1789)..xké nasce un italiano e già ha 32.000euro di debito col governo per risanare 1.946miliardi di euro…xké’???quando poi si stanno togliendo soldi ai cittadini e si sa che ci sono solo 150miliardi di euro in circolo in italia..allora questo debito non si puo’ risanare??giusto.xké siamo entrati in europa?chi l’ha deciso e xké al governo c’e’ un sadico e cinico capitalista non votato dal popolo?…il popolo é sovrano lo dice la costituzione (che é da riscrivere immediatamente!)
MA NOI SIAMO ITALIOTI A NOI CHE CE FREGA..TANTO FINCHE’ ER BARETTO SOTTO CASA E’ APERTO SO DO ANNAMME A SFOGA’..IO MI VERGOGNO DIELL’ITALIA MA LOTTEREI PER DARE DA MANGIARE AI MIEI FIGLI!!IDIOTI PERDITEMPO SEGAIOLI MASTURBA I-PHONE CHE NON SIETE ALTRO!VEDREMO QUANDO NON CI SARA’ PIU’ IL PIATO DI VERDURINA A CASA O L’ABBONAMENTIO A SKY!MERDE! ANCHE IO SPERO CHE QUESTA CRISI CONTINUI NEL PEGGIORE DEI MODI!PER VOI E PER I VOSTRI CARI!
RISPONDI

    Scritto il 10 ottobre 2012 at 18:14

    Hai perfettamente ragione! La crisi? Spero proprio di andare i the fall così chissà che sti deficienti si sveglino…ma sarà tardi!

    Anonymous
    Scritto il 31 ottobre 2012 at 16:37

    Purtroppo hai ragione siamo troppo individualisti per poter fare qualcosa di concreto nel senso di rivoluzione vera e proprio ma questo individualismo se sfruttato bene può tornare utile tagliando ogni tipo di spesa superflua e facendo mancare così ogni entrata possibile all’erario. I nostri politici così potrebbero salvarsi solo aumentando ulteriormente le tasse ma così facendo si arriverebbe al fatidico 70-80% di popolazione povera ed un avvicinamento irrimediabile alla vera e propria rivoluzione!

Anonymous
Scritto il 10 ottobre 2012 at 14:58

la rivoluzione? non si farà mai, perchè i capoccioni che ci governano e controllano sanno tutto di noi, quindi sanno benissimo che la maggior parte del popolo vive benino, poi ci si lamenta, ma in fondo la stragrande maggioranza del popolo sta bene, e loro ( i capi) lo sanno, quindi, sanno benissimo che per la rivoluzione ci vuole il 70/80% della popolazione che sta male, e ad oggi non è affatto così. Infatti, i ristoranti e le pizzerie, comunque sono piene. I soldi ancora ci sono, quindi possono continuare a toglierceli.

Anonymous
Scritto il 10 ottobre 2012 at 16:16

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Scritto il 14 giugno 2013 at 17:05

non solo ristoranti ma anche bar pieni di gente che si fa la colazioncina col cornettino o la pastarella e poi si fuma la sua bella sigarettona e si compra il quotidiano per cui simpatizza politicamente. si trova così orgoglioso di esistere e di poter vivere in quel modo.

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Finalmente qualcosa si muove nel mondo dei derivati USA ed il COT Report ci riporta gli Small Trad
Durante la mia assenza l'indice Biotech ha stornato. Eravamo rimasti con questo in una zona di forte
Mentre la notizia dei Bitcoin Futures sta rimbalzando tra i mass-media di tutto il mondo, compre
FTSE Mib: l'indice italiano oggi è alle prese con il test dei 22.830 punti, dopo la rottura venerd
Mentre altri vi raccontano le meraviglie dell'ultimo sondaggio sull'occupazione che registra un
Guest post: Trading Room #267. Ormai siamo ad un passo da area 23000, un livello che potrebbe port
Secondo l'OCSE, la pensione flessibile è un'arma a doppio taglio per i governi. . Finita la fase a
Analisi Tecnica La sparatone dei finanziari ...Saliamo infatti solo con quelli .... che non portano
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base