INABISSATI

Scritto il alle 23:30 da Paolo Cardenà
                                                        di Paolo Cardenà

L’economia italiana è sempre più contratta e si sta avvitando su se stessa in maniera impetuosa e preoccupante. La cura da cavallo somministrata al paziente ha ucciso il malato.

Questa volta è l’Istat a segnalarci la dinamica delle vendite al dettaglio che, nel mese di aprile, hanno subito un tracollo del 6.8 % su base congiunturale.

“Vanno malissimo le vendite al dettaglio che ad aprile fanno registrare un calo dell’1,6% su base congiunturale e del 6,8% su base tendenziale. Lo comunica Istat. Rispetto a marzo le vendite diminuiscono dell’1,5% sia per i prodotti alimentari sia per quelli non alimentari. Nel confronto con aprile 2011 le vendite di prodotti alimentari diminuiscono del 6,1%, quelle di prodotti non alimentari del 7,1%. Le vendite per forma distributiva mostrano, sempre su base annua, una marcata contrazione sia per la grande distribuzione (-4,3%), sia per le imprese operanti su piccole superfici (-8,6%). Nei primi quattro mesi del 2012, rispetto allo stesso periodo del 2011, l’indice grezzo diminuisce dell’1,6%. Le vendite di prodotti alimentari segnano una flessione dello 0,2% e quelle di prodotti non alimentari del 2,2%.”
In altri termini, l’economia italiana si sta inabissando sempre di più, ed il crollo sembra essere inarrestabile e colpire tutti i settori economici a tal punto che hanno subito una contrazione significativa anche le spese alimentari diminuite del 6.1%.
In simili condizioni,è del tutto evidente  che  l’Italia non potrà in alcun modo salvarsi e l’economia, verosimilmente, sarà destinata a contrarsi ulteriormente per effetto di eventuali manovre correttive finalizzate a colmare i buchi di bilancio causati anche dalla contrazione delle entrate tributarie. In mancanza di un intervento diretto o indiretto della BCE a sostegno dei titoli di Stato e che permetterebbe comunque  di comprare ulteriore tempo, ho seri dubbi che l’Italia possa superare indenne i prossimi mesi. Circostanza, questa, che sembra essere confermata anche dalle dichiarazioni giunte dal sottosegretario all’economia Gaetano Paolillo che dice: “Dobbiamo trovare 8 miliardi e dobbiamo farlo subito, perché più passa il tempo più i tagli da fare aumentano”. Il tempo passa e, allo stato attuale, solo un miracolo potrebbe salvare l’Italia da una catastrofe che appare inevitabile e forse anche meritata, visto che oggi il Consiglio dei Ministri ha approvato aiuti di Stato a favore del Monte Paschi per 2 miliardi di euro. L’ennesima truffa a danno degli italiani, ma forse l’ultima.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
Lo scenario intermarket segnala interessanti figure di continuazione, ma anche chiari segnali di
Avvio brillante per il Ftse Mib che agguanta l’obiettivo grafico dei 21.500 punti. Attualmente sca
Uno dei pilastri fondativi della previdenza complementare è  l’adesione volontaria. Questo princ
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
https://youtu.be/18w1cyr7dwQ Google Pay sbarca anche in Italia. Il nuovo servizio del colosso tec
Trovare il giusto equilibrio tra lavoro, produttività e vita privata. E' il desiderio espresso da
Si amplia ulteriormente la gamma degli strumenti di investimento emessi da Banca IMI, grazie a 8
Ftse Mib: prosegue al rialzo il Ftse Mib e conferma il break dei 21.122 punti e della trend line rib
A forza di dire che piove, qualcuno prima o poi ci prende. Il difficile è capire quanto piover
Era il 24 gennaio di un ormai lontano anno del Signore 2007, quando un ragazzo qualunque apri un