QUANDO SAREMO FALLITI VI DIRANNO CHE….

Scritto il alle 08:30 da Paolo Cardenà

                                              di Paolo Cardenà –

La situazione sta precipitando. Sta precipitando in Grecia, in Spagna,  in Italia e conseguentemente nel resto dell’Europa e del mondo. A parer mio, forse,  i margini per una manovra di politica economica da intraprendere in tempi brevi,  idonea a salvare l’Italia e quindi l’euro, sono sempre più limitati, se non del tutto venuti meno.  Tantomeno saranno efficaci i proclami espressi dalla politica europea, secondo i quali si  starebbe lavorando ad un piano  tale da favorire una maggiore integrazione europea, poiché tali iniziative presupporranno tempi non affatto conciliabili con quelli imposti dalla crisi.

Quando arriverà il disastro  finale, state pur certi che i nostri cari politici vi racconteranno menzogne per giustificare la loro disfatta e  il loro  fallimento, le cui responsabilità sono e rimangono a loro totale carico. Vi diranno che la colpa è della cattiva finanza, degli evasori, della BCE che non ha stampato moneta e della cattiva Germania, comandata da una “culona inchiavabile”.  Daranno la colpa alla Grecia spendacciona e alla bolla immobiliare spagnola che ha trascinato con se il sistema bancario iberico e poi la Spagna intera e quindi l’Italia. Diranno che il terremoto in Emilia ha causato una caduta del Pil e quindi delle entrate tributarie.  Potrebbero arrivare perfino a dire che la colpa è dell‘estinzione dei dinosauri, piuttosto che del naufragio della Concordia, o dei neutrini impazziti che durante la loro corsa su e giù per l’Italia, hanno rubato i sacrifici degli italiani. Una volta che avranno terminato di falcidiare i vostri risparmi, vi diranno che il vostro è un sacrificio necessario per dare futuro migliore ai vostri figli; quando in realtà sono stati i politici a comprometterlo,  ribaltando sulle nuove generazioni l’onere di pagare un conto salatissimo per  i loro misfatti, garantendosi cosi’ privilegi principeschi.
Vi diranno che i tagli alla spesa e agli sprechi statali avrebbero prodotto delle cadute di Pil aggravando la crisi economica, quando in realtà, intervenendo su questo fronte, avrebbero limitato la possibilità di comprare consensi elettorali e mantenere i loro privilegi. Tenteranno di inasprire il conflitto sociale alimentando l’odio tra la popolazione per discolparsi e giustificare così  la barbaria politica ed economica di cui sono  capaci
Cercheranno di giustificarsi e riabilitarsi in tutti i modi per continuare ad occupare i luoghi di potere e di comando,  come hanno fatto per tutta la loro esistenza.  Tenete bene in mente che le colpe del disastro Italiano, sono da ascriversi esclusivamente alla classe politica che ci ha governato negli ultimi 30 anni, al loro pressapochismo, al malgoverno di cui sono stati protagonisti, alle loro ruberie, al nulla delle loro menti e al nulla della loro visione strategica e politica della Nazione. Incapaci perfino di rappresentare loro stessi.  Non dimenticatelo!


Vi lascio ad un filmato illuminante di Toto’ tratto dal film Totòtruffa del 1962




VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
3 commenti Commenta
un italiano
Scritto il 27 giugno 2012 at 22:32

un solo commento. è tutto condivisibile tranne una cosa errata. l’enorme debito pubblico e il conseguente disastro italiano non è da ascrivere alla classe politica degli ultimi vent’anni ma, per amor di verità, la maggior parte è stato creato negli anni 70-80 da quella classe politica di nome DC-PSI-PCI che hanno perpetrato il “sacco d’Italia” e fatto del nostro Paese carne di porco!!!!

    Lucia
    Scritto il 27 ottobre 2012 at 18:46

    V-E-R-I-S-S-I-M-O———-creatori dell’enorme voragine sociale che prova ad inghiottirci….

Scritto il 3 agosto 2012 at 12:26

e non bastando stanno deindustrializzando l’italia
di quanta pulizia avremmo bisogno…ma di quella buona

Segui su Facebook
Paolo Cardenà | Crea il tuo badge

Segui su Twitter
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Incentivi alla quotazione per le Piccole e Medie imprese ancora in primo piano. Ieri nel corso della
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue la sua corsa verso i 24.000 punti e rimane orientato positivame
Tra i vari beni rifugio sul mercato, è ben noto il ruolo del metallo giallo ovvero dell’oro.
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER: Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi
Il Ftse Mib ha ora nel mirino la resistenza in area 23.900/24.000. Nell’immediato futuro può cont
Ieri la Cina, dopo la finta apertura del suo presidente sull'industria automobilistica,  ha rip
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espress